Come concimare l’orto: L’ORTO AL NATURALE

L'ORTO AL NATURALE 3: Come concimare l'orto

In questo terzo articolo dedicato alla cura dell’orto con metodi naturali, vogliamo parlarvi di come concimare il terreno in maniera totalmente naturale.

È fondamentale prendersi cura regolarmente di piante e ortaggi, perché li rende più forti e resistenti a malattie e parassiti.

Le piante assorbono molte sostanze nutritive dal suolo, ma nel tempo però il terreno si impoverisce e perciò devono essere regolarmente arricchito.

La fertilità del terreno dipende dall’azione sinergica tra:

  • gli interventi agronomici, come, le rotazioni, le consociazioni, la pratica del sovescio e le lavorazioni meccaniche superficiali;
  • la sostanza organica presente nel terreno coltivato;
  • gli organismi viventi che profilano nel terreno.

Le piante hanno bisogno di azoto per la crescita delle foglie, di fosforo per la salute delle radici e di potassio per fiori e frutti.

Le confezioni, per aiutare meglio nella scelta del concime adatto al proprio terreno, riportano le percentuali di azoto (N), fosforo (P) e potassio (K).

ATTENZIONE! Un fertilizzante sbagliato può rovinare le vostre colture.

Evitate di concimare troppo il vostro terreno, sperando di ottenere raccolti abbondanti, perché avrete l’effetto contrario danneggiando le radici.

L'ORTO AL NATURALE 3: Come concimare l'orto

L’ORTO AL NATURALE 3: Come concimare l’orto

TIPI DI CONCIME

Esistono due tipi di fertilizzante da orto:

  • Il concime naturale organico di origine animale e vegetale;
  • Il concime artificiale a base di sostanze chimiche; (noi non lo consigliamo, ma ovviamente ognuno è libero di acquistare e utilizzare quello che vuole)

IL LETAME

Il letame è composto dagli escrementi degli animali da stalla, dalle foglie, paglia, segatura e altro.

Deve essere stagionato, poiché, quando è troppo fresco, è molto ricco di acqua e di azoto e potrebbe esserci il rischio di bruciare le piantine.

In autunno quando si preparano i terreni per le semine primaverili può essere usato il letame stagionato 3-4 mesi.

Il letame migliore è quello che ha almeno 6 mesi, ha perso totalmente il cattivo odore e si presenta come una massa non troppo compatta, di colore nero.

Se non trovate il letame, potete optare per lo stallatico in pellet o ad altri concimi naturali.

IL COMPOST

Proviene dal riciclo degli scarti organici prodotti in casa.

Il compost può essere prodotto con gli scarti di frutta e verdura, fondi di caffè e di tè, gusci d’uovo, paglia, foglie secche, segatura e cenere della stufa a legna o del camino.

Tutto questo materiale deve decomporsi e lentamente trasformarsi.

Per ottenere questo risultato bisogna predisporre uno spazio dove mettere la compostiera, per evitare così di lasciare i cumuli in giro per il terreno.

La compostiera è un recipiente chiuso, a forma di campana, con la base che poggia sul terreno.

Ha un coperchio per aggiungere i rifiuti e nella parte bassa c’è una sorta di apertura dalla quale è possibile togliere il compost maturo.

IL SOVESCIO

Il sovescio è l’interramento di un determinato tipo di piante, coltivate appositamente per essere poi interrate, e serve per migliorare la fertilità del suolo.

Le principali piante usate per il sovescio sono le leguminose, per la notevole capacità di formare humus.

La tecnica del sovescio è utilizzata solitamente da chi ha grandi spazi da destinare alle coltivazioni, in quanto, se per molti mesi all’anno la terra è occupata dalla coltivazione delle piante da interrare, non vi è spazio per piantare verdure e altre vegetali.

L'ORTO AL NATURALE 3: Come concimare l'orto

ALTRI CONCIMI

  • Fertilizzanti granulari: si disgregano lentamente nel terreno rilasciando i nutrienti a lungo, spesso per l’intera stagione;
  • Concimi liquidi: sono ad azione rapida. Disponibili sotto forma di polvere solubile o di liquido concentrato da diluire secondo le istruzioni fornite;
  • Fertilizzanti: sono utilizzati per fornire nutrienti specifici al terreno;

NO AI FERTILIZZANTI CHIMICI!!!

Fonti:

  • L’Orto Naturale con le consociazioni
  • Keep Calm e cura l’orto
  • Coltivare in casa

Lascia un commento