Polenta con la bagna dër mëȓluss per l’Italia nel Piatto

Polenta con la bagna dër mëȓluss per l’Italia nel Piatto

Benvenuto Dicembre! Torna come di consueto l’appuntamento mensile de l’Italia nel Piatto, la rubrica in cui rappresento la mia regione, il Piemonte.

Il tema di questo mese è “Il Pesce sulla Tavola delle Feste”.

Nella mia famiglia non siamo soliti gustare il pesce durante il periodo Natalizio, quindi sono andata alla ricerca di una ricetta piemontese che potesse andare bene per l’occasione.

La Polenta, piatto povero dei nostri nonni, servito con una gustosa bagna di merluzzo, una ricetta perfetta sia come primo piatto, ma anche come antipasto.

Polenta con la bagna dër mëȓluss per l’Italia nel Piatto

RICETTA TRATTA DA: Quaderno delle ricette di Langhe, Roero e Monferrato – Er Mange’ der Langhe E Monfra’

Ingredienti:

  • 1 kg di baccalà già ammollato
  • 500 g di pomodori pelati
  • 2 cipolle
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • pepe

Per la Polenta:

  • 600 g di farina di “meliga” mais + grano saraceno (FARINA TARAGNA)
  • 2 L di acqua
  • sale

Preparazione:

Pulite il baccalà da pelle e lisca, asciugatelo e tagliatelo a pezzi.

Preparate la polenta, versando a pioggia la farina di mais continuando a mescolare per evitare la formazione di grumi.

Portate la polenta a cottura, ci vorranno circa 40-50 minuti.

A questo punto potete servirla morbida e calda all’interno di una ciotola, oppure lasciarla raffreddare in una pirofila o in stampi monoporzione.

Nel frattempo dedicatevi alla bagna: scaldate in un tegame qualche cucchiaio di olio con gli spicchi di aglio schiacciati e fate dorare il merluzzo rigirandolo su entrambi i lati.

Prelevate il merluzzo e lasciatelo scolare su carta assorbente da cucina.

In un altro tegame versate l’olio e fate soffriggere dolcemente la cipolla finemente tritata.

Unite i pomodori e mescolati al condimento; condite con il sale (attenzione! dosatelo in modo corretto, il baccalà è già salato) e pepe.

Dopo qualche minuto rimettete il merluzzo sminuzzato e proseguite la cottura per circa 30 minuti.

A fuoco spento completate con il prezzemolo tritato finemente.

Servite il tortino di polenta con la una generosa bagna di merluzzo.

L’Italia nel piatto

Di seguito tutte le ricette de l’ “Aperitivo con finger food” proposte dalle 20 regioni di L’Italia nel piatto.

Valle d’Aosta: Trota alla Valdostana

Piemonte: Polenta con la bagna dër mëȓluss per l’Italia nel Piatto

Liguria: Millefoglie di patate e baccalà mantecato, basilico e olive taggiasche

Lombardia: (fatto da Toscana) Baccalà (ovvero stoccafisso) alla bresciana

Trentino-Alto Adige: Carpaccio di trota salmonata e mele

Veneto: Baccalà mantecato in tre versioni

Friuli-Venezia Giulia:

Emilia-Romagna: Risotto al brodo di “Baganelli”

Toscana: Baccalà dolce-forte

Marche: Ziti con il sugo all’ascolana

Umbria: Baccalà in umido alla umbra con uvetta e prugne

Lazio: I filetti di baccalà

Abruzzo: Frittelle con le alici

Molise: Baccalà arracanato

Campania: Polpo all’insalata

Puglia: Spaghetti con le Anguille

Basilicata:

Calabria: Baccallà arriganato

Sicilia: Pesce Stocco a Ghiotta

Sardegna: Sardine ripiene

L’Italia nel piatto

L’Italia nel piatto: “Il Pesce sulla Tavola delle Feste”

Camilla - La Cascata dei Sapori

11 pensieri su “Polenta con la bagna dër mëȓluss per l’Italia nel Piatto

  1. Non conoscevo questa ricetta. Di polenta ne consumiamo tantissima ma solitamente in altri modi con carne e formaggio. Trovo questo sugo al merluzzo molto intrigante, mai avrei pensato di abbinarlo alla polenta eppure guarda che bel piatto che ci ha presentato. Da provare 🙂

  2. Se mi chiedi quale piatto io del sud adori del nord italia… ti rispondo proprio la polenta!!!! Buonissima in tutte le sue versioni e ora non mi resta che provare anche quella con il merluzzo che ci proponi in questa deliziosa uscita della nostra rubrica!

  3. Quante deliziose ricette sto scoprendo in questo giro tra le tavole italiane! Mi piace molto questa proposta, dev’esser davvero gustosa!
    Un saluto
    Sabrina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto