Bitter Sweet Ingredienti d’Amore: Le Location e i Luoghi dove hanno girato la Serie TV turca Dolunay

Bitter Sweet Ingredienti d’Amore: Le Location e i Luoghi dove hanno girato la Serie TV turca Dolunay

Per tutte le appassionate delle serie TV turche come me è in arrivo un nuovo articolo su Bitter Sweet: Ingredienti d’Amore.

Questa volta non si tratta di una ricetta, ma bensì delle location dove hanno girato la serie TV che in Turchia prende il nome di Dolunay (luna piena).

Sul blog trovate già gli articoli dei luoghi dove hanno girato Erkenci Kuş.

Le scene sono state registrate sia in quartieri reali della città di Istanbul che in posti adibiti a set per l’occasione.

Dopo un’accurata e impegnativa ricerca online nelle varie pagine dedicate alla serie televisiva, sono riuscita a trovare alcuni luoghi e location di dove sono state fatte le riprese.

*Se avete da segnalarmi delle modifiche da effettuare o darmi dei suggerimenti, scrivete un commento alla fine dell’articolo oppure in privato.

Bitter Sweet Ingredienti d’Amore: Le Location e i Luoghi dove hanno girato la Serie TV turca Dolunay

1° PUNTATA

La Casa di Nazli Pinar

L’appartamento di Nazli, la protagonista della serie, si trova in un condominio privato, dove abitano realmente delle persone, quindi la zona non è mai stata comunicata per questioni di privacy.

“Nazli che buon odore, che cos’è?…Menemen. Questo è il vantaggio di avere un’amica e coinquilina che sta studiando per diventare una cuoca…”

L’Università in cui studia Nazli

Yeditepe Üniversitesi

İnönü Mah, Kayışdağı Cd. No:326A, 34755 Ataşehir/İstanbul, Turchia

“Nazli, cerchi ancora un lavoro? Non conosco i dettagli ma ti do l’indirizzo, puoi andare a fare un colloquio. Sii seria, qui a lezione arrivi sempre in ritardo…”

“Lavoro dalle 12 alle 17. Arrivo dopo di lui ed esco prima che lui rientri. Semplice non ci incontreremo”.

La Casa di Ferit Aslan

Bebek Quartiere a Istanbul, Turchia

“Sarà la cuoca personale del Signor Ferit…in tanti hanno lasciato dopo un giorno”.

Ferit: E tu chi sei?! Cosa ci fai qui?

Nazli: In realtà…chi è lei? Guardi, se mi lascia adesso non dirò a nessuno di averla vista qui. Se il Signor Ferit torna e scopre che lei è stato qui e si è anche fatto una doccia, la ucciderà. Forza, se ne vada!

Ferit: Sono io il Signor Ferit. Questa è casa mia.

Nazli: Tu? Lei è il Signor Ferit?

Ferit: Tu sei la stessa cameriera? Cosa ci fai qui?

Nazli: Si ricorda…sì…Signor Ferit stavo proprio per andarmene ma ho fatto tardi.

Ferit: Va bene, ma cosa ci fai in casa mia?

Nazli: Sono la sua cuoca Nazli.

L’Arrivo di Ferit Aslan presso la sua azienda Pusula Holding

Porto Turistico a Istanbul

“Il Signor Ferit non è mai in ritardo…”

Il Primo incontro tra Nazli e Ferit

Hotel Les Ottomans

Kuruçeşme, Muallim Naci Cd. No:68, 34345 Beşiktaş/İstanbul, Turchia

Buon proseguimento. Grazie“. (Il braccialetto di Nazli rimane incastrato nel bottone della camicia di Ferit).

Nazli: Un attimo signore lo sistemo subito.

Ferit: Se vuole posso sistemarlo io.

Nazli: Non si preoccupi possono sistemarlo facilmente da sola. Tenga solo il braccio teso, dovrebbe bastare.

Ferit: Un attimo, un attimo…

Nazli: Ma signore, così lo romperà.

Ferit: Se permette, ci penso io.

Nazli: Se la smette di muoversi, riesco a sistemare tutto. Solo un attimo per favore.

Ferit: Va bene. Adesso basta.

Ferit tirando il braccio ha rotto il braccialetto di Nazli e tutte le perline sono cadute a terra.

Nazli: Cos’ha fatto!? Lo ha rotto! Se non avesse avuto fretta, lo avrei sganciato.

Ferit: Signorina si calmi. Le ripagherò il danno.

Nazli: Non può ripagare il danno signore, era speciale per me.

Interviene Fatoş, l’amica di Nazli, che senza vergogna si fa ripagare il braccialetto nonostante avesse soltanto un valore affettivo e non economico.

La Casa di Deniz

Fatih (distretto metropolitano di Istanbul, situato nella parte europea della città)

Bulut: Zio guarda, lei è Nazli.

Deniz: Ma cosa succede qui? E’ una bellissima sorpresa!

Nazli: Sei tu lo zio? Aspetta un attimo, sono io quella che ha ricevuto una bellissima sorpresa.

Bulut: Conosci Nazli?

Deniz: Certo che la conosco! E’ la mia partner di ballo.

Bulut: Lo sai che Nazli sa fare dei biscotti deliziosi?

Deniz: Non lo sapevo, ma quello che so è che mangia tanti Kokorec.

Nazli: Tu zio invece è un ballerino professionista di latino americano.

Ferit: Dove vi sareste conosciuti?

Deniz: Ne parliamo dentro. Entrate.

L’Evento tra Turchia e Giappone

Sultan Sarnıç Düğün & Davet Organizasyon

Ali Kuşçu, Ali Naki Sokak, Yavuz Selim Cd. No:4, 34083 Fatih/İstanbul, Turchia

Ferit: Cosa ci fai qui?

Nazli: Mi scusi Signor Ferit, ma non devo dare delle spiegazioni al mio capo su quello che faccio al di fuori dell’orario di lavoro.

Ferit: Mi chiedevo solo cosa ci fa qui… è interessata alla cultura giapponese?

Nazli: Certo che sono interessata. Sono appassionata a molte cose. Spero solo che non pensi che la mia vita ruoti intorno alla sua cucina.

Ferit: Le auguro una buona serata Nazli.

Nazli: Buona serata, Signor Ferit.

…♥…

Ferit: Mi piace il tuo profumo.

Nazli: Gelsomino.

2° PUNTATA

Il Rifugio per Cani

Kadıköy Belediyesi Geçici Hayvan Bakımevi

Turgut Özal Bulvarı, TEM Otoyolu Sonu TEM Otoyolu Sonu, 34774 Ümraniye/İstanbul, Turchia

Bulut: Nazli perché siamo qui? Cos’è questo posto?

Nazli: E’ una sorpresa Bulut. Devi aspettare un attimo. Ma ti piacerà molto e sarai felice, promesso. Dai Bulut, andiamo a vedere Selma.

Bulut: Nazli, ma chi è Selma?

Nazli: Selma è una mia amica. Vuoi conoscerla?

Bulut: Certo che voglio! Magari diventerà anche mia amica.

Nazli: Selma ti piacerà molto e tu piacerai a lei.

La Casa di Hakan e Demet

Reşadiye, Istanbul – Turchia

Demet: Benvenuto mio caro, hai portato gioia nella nostra casa.

Nazli: Bulut, di cosa abbiamo parlato prima? Questa è la tua nuova casa. Non sei curiosa di vedere la tua camera?

Sei molto fortunato, ci sono tante persone che ti vogliono bene e molte case in cui puoi andare.

Bulut: C’è una piscina in questa casa?

Demet: Certo che c’è. Come potrebbe non esserci. Possiamo andarci, se vuoi.

Bulut: No, non voglio andarci. E’ per la barca che mio zio ha comprato per me. Zio ci vedremo di nuovo?

Ferit: Certo che ci vedremo. Non potrei stare senza di te. Mi mancherai tantissimo. Sarà come ti ho detto, la prossima volta tornerai a casa nostra.

Ti voglio bene zio. Anch’io ti voglio bene

Il Locale di Deniz

IF Performance Hall Ataşehir

Barbaros, Ataşehir Blv. No:216, 34746 Ataşehir/İstanbul, Turchia

Sottofondo musicale: Benden Bu Kadar – Türkü Turan

…♥…

L’Ospedale in cui viene ricoverato Bulut

Sipahi Hastanesi – nella realtà si chiama Reyap Hastanesi

Ferit: Bulut caro. So che non vuoi prendere le medicine, ma se non le prendi non ti lasceranno tornare a casa. Prendile, così possiamo tornare a casa, va bene?

Bulut: Sto bene così. Uscirò da qui e mi libererò di tutti voi!

Bulut: Nazli…

Nazli: Ciao Bulut, sono venuta per augurarti di guarire presto.

Bulut: Non voglio, non far venire nessuno. Mi tengono qui con la forza, ma io voglio andare a casa. Mi costringono a bere lo sciroppo.

Ferit: Signorina Nazli, sarebbe meglio se lei andasse via.

Bulut: Cos’hai in mano?

Nazli: Biscotti. I tuoi preferiti, li ho fatti per te. Vuoi mangiarli?

Bulut: Nazli…Lo sai che la mia mamma e il mio papà sono morti?

3° PUNTATA

Lo Studio di Hakan

Hüryap Exclusive Real Estate

Hakan: Ohhh…Chi vedo qui? Ferit Aslan. Che sorpresa vederti! Tutto bene? Se sei venuto fino a qui, dev’essere per una cosa importante.

Ferit: Sono venuto per dirti quello che non ho potuto dirti a casa.

Hakan: Hai notato che ultimamente ci vediamo spesso? Come hai vecchi tempi. Siediti. Chiederò di portarci un caffè.

Ferit: Si, sei tornato come una volta. Non lasci in pace me e la mia famiglia. Adesso ti diverti a giocare con la vita di un bambino.

Goditi le tue piccole vittorie Hakan. Te la farò pagare per tutto! Ti farò rimpiangere ogni cosa. Ti farò rimpiangere non solo quello che hai fatto ma anche quello che stai per fare.

La Stazione di Polizia

T.C. İlçe Emniyet Müdürlüğü

Bulut: Sai cos’è un boomerang? E’ un bastoncino curvo. Lo lanci così e lui torna indietro. Lo rilanci e ritorna indietro. Lo usavano in Australia per procurarsi il cibo.

Agente di Polizia: Davvero?! Dove hai imparato queste cose?

Bulut: Me le ha detto mio zio.

Agente di Polizia: Il cellulare di tua sorella sta squillando.

Bulut: Nazli non è mia sorella, è la mia amica. Fammi vedere chi è. Signor Ferit, è mio zio.

Bulut: Pronto zio, sono andato con Nazli alla polizia. Come si chiama questo posto?

Agente di polizia: Centrale di polizia.

Bulut: Siamo alla Centrale di polizia.

Ferit: Cosa vuol dire che siete alla stazione di polizia? Bulut dai immediatamente il cellulare ad un adulto vicino a te. Sì, dallo al poliziotto.

Pronto! Buongiorno. Dove si trova la centrale? Va bene, sono vicino. Arrivo subito.

Il Tribunale

Adalet Sarayı, Istanbul – Turchia

Puntata 3

Giudice: E’ stato deciso il rinvio dell’udienza a data da destinarsi, affinché le prove possano essere esaminate. E’ stato deciso che Bulut Kaya sarà affidato temporaneamente a Demet Önder, a partire da questo momento.

Puntata 19

Giudice: Il Signor Ferit Aslan ha richiesto la custodia di suo nipote Bulut Kaya, e la mia decisione è che la custodia vada a… Ferit Aslan e Nazmiye Pinar. Questa è la mia decisione!

5° PUNTATA

La Festa di Compleanno di Bulut

Riva (quartiere, nel distretto di Beykoz nella provincia di Istanbul, in Turchia)

Ferit: Questo è il posto giusto quando si vuole restare da soli.

Nazli: Non sono venuta qui per restare da sola. Sono venuta per non affollare troppo.

Ferit: Io e Zeynep quando eravamo piccoli e facevamo arrabbiare nostra madre o quando volevamo stare lontano da tutti, venivamo qui.

Nazli: Era molto legato a sua sorella, vero?

Ferit: Sì. Ma abbiamo anche litigato molto. Non potevamo stare insieme, ma nemmeno separati. Alcune volte mi dimentico che non c’è più. Quando entro in azienda, mi aspetto che apra la porta ed entri. Vorrei che mi chiamasse. Non aveva orari, mi chiamava di mattina, di sera, in ogni momento…ed io impazzivo a starle dietro. Adesso…

Nazli: Adesso vorrebbe chiamarla ogni secondo, proprio come faceva lei quando era in vita. Ha vissuto una situazione molto difficile, non è facile affrontare una cosa del genere. Se succedesse ad Asuman non so cosa farei. Ma…Tutti hanno bisogno di lei: Bulut, la signora Leman e anche Deniz.

Ferit: Saranno preoccupati. Andiamo.

7° PUNTATA

Il Ballo tra Nazli e Ferit dopo la cena romantica

Beşiktaş (distretto di Istanbul, situato nella parte europea della città, affacciato sul Bosforo)

Nazli: Il Signor Kadir ha venduto la sua barca, dopo ha aperto questo ristorante. Prepara il miglior pesce della città.

Ferit: Come hai trovato questo posto?

Nazli: Un buon chef sa dove trovare un ottimo pasto.

Ferit: E’ stato tutto delizioso. Questo è un tesoro che non è ancora stato scoperto.

Nazli: Ma c’è una regola in questo posto.

Ferit: Davvero! Quale sarebbe?

Nazli: Non dobbiamo condividere questo posto con nessuno, eccetto con le persone che “amiamo” molto.

Voglio dire il termine amare nel senso più ampio possibile, potrebbe essere un amico, un collega, un fratello. In generale.

…♥…

Ferit: Ehm…amo questa canzone di sottofondo e improvvisamente…

Nazli: TUTTE LE COSE BELLE ACCADONO IMPROVVISAMENTE

Ferit: Ma anche questa canzone ha una regola.

Nazli: E qual è?

Ferit: Dobbiamo ballare.

Nazli: Così? Improvvisamente!

Ferit: TUTTE LE COSE BELLE ACCADONO IMPROVVISAMENTE

Bitter Sweet Ingredienti d’Amore: Le Location e i Luoghi dove hanno girato la Serie TV turca Dolunay

10° PUNTATA

La scena in barca con i soci italiani e quando Ferit strappa il contratto di Nazli

Arnavutköy (quartiere storico del distretto di Beşiktaş a Istanbul, sulla costa europea del Bosforo)

“Ferit lei ha trovato il paradiso in terra”.

…♥…

Ferit: Mi ricordo la prima uscita a pesca con mio padre…ha pescato pesci di tutti i tipi. Io mi sono seduto e ho aspettato. Le ore passavano fino a quando abbiamo visto che il mio gancio si stava muovendo. Papà ed io abbiamo tirato subito su il pesce che si stava agitando davanti ai nostri occhi.

Poi papà tolse il gancio e lo liberò nuovamente in mare.

Nazli: Perché?

Ferit: Anche io mi sono fatto la stessa domanda…Ho chiesto a mio papà perché l’avesse fatto. Sembra che sia un’abitudine.

Ogni pescatore riporta il suo primo pesce al mare. Quel pesce che hai aspettato per ore e ore e catturato con tanto sforzo. Lo lasci andare davanti ai tuoi occhi.

Nazli: Mi piace. Penso che sia una buona abitudine.

Ferit: Mio padre mi disse che c’è una regola in questo mare.

“NON SCEGLI TU IL PESCE MA E’ IL PESCE A SCEGLIERE TE. PUOI LASCIARLO LIBERO DI ANDARE, MA SE LUI VUOLE TORNERA’ DA TE”

…♥…

Nazli: Signor Ferit, posso sapere cosa ci fa il mio contratto qua?

Ferit strappa il contratto di Nazli e le dice: Sei libera. Puoi andare ovunque tu voglia.

Nazli: Va bene. Ma come mai?

Ferit: Non ti forzerò più. Tutto è nelle tue mani. Puoi andare dove vuoi. Questa è la tua decisione.

Nazli: Grazie.

Ferit: Sono io a ringraziarti Nazli. Per tutto.

11° PUNTATA

Il Fine Settimana a Sapanca con Nakatani

NG Sapanca Wellness & Convention

Tepebaşı, Şht. Cevdet Koç Cd., 54600 Sapanca/Sakarya, Turchia

Nazli: Signor Ferit, lei l’ha promesso. Ora suonerà il pianoforte.

Ferit: Lo so, ma ci sono molte persone intorno a noi. Non vorrei disturbare nessuno e vergognarmi per la situazione, sono onesto.

Nazli: Signor Ferit, la discussione è chiusa. Ora si sieda e inizi a suonare. Sono sicura che lo farà molto bene. Pensi al signor Rosetti.

Ferit: Va bene. Ok.

…♥…

Nazli: Se il Signor Rosetti fosse qui, sarebbe fiero di lei.

Ferit: sì, ma non è stata una performance perfetta. Ho commesso degli errori.

Nazli: Signor Ferit, non si preoccupi di questi piccoli errori. Tutti hanno ascoltato e qualcosa per essere bello non deve essere per forza perfetta.

Ferit: A me piace che le cose siano perfette.

Nazli: Deve sapere che niente è perfetto in questo mondo. Qualcosa o qualcuno ha dei difetti.

Ferit: Forse qualcosa che è visto come un difetto, magari per me è perfetto.

Nazli: Posso sapere cosa?

Ferit: Certamente! Per esempio adesso voglio mangiare un omelette.

Nazli: Omelette? A quest’ora? Andiamo a dirlo in cucina prima che chiuda.

Ferit: Ho un’idea migliore. Voglio che cucini per me Nazli.

Nazli: Signor Ferit, come lei sa, il contratto è stato strappato. Non cucinerò per lei di nuovo.

Ferit: Ho mantenuto la mia promessa e ho suonato il pianoforte per te. Ora tocca a te mantenere la promessa. Un ultimo pasto.

Nazli: D’accordo, ma non mi lasceranno entrare in cucina.

Ferit: Il proprietario dell’hotel è un mio amico e non mi dirà nulla. Poi tu non sei una qualunque.

Nazli: Un ultimo pasto. Bene, la colpirò come un proiettile.

12° PUNTATA

L’Apertura del Ristorante di Nazli “Sakura”

Lucina Restaurant Cafe Bar

Ataşehir Atatürk, Sait Cordan Sk., 34755 Ataşehir/İstanbul, Turchia

Ferit: Il nostro primo pasto qui al ristorante.

Nazli: Sì, fatto con le tue mani.

Ferit: Com’è?

Nazli: Come inizio non è affatto male.

Ferit: Ma non hai mangiato molto.

Nazli: Non ho fame. Ora sono così felice e serena.

Ferit: Sei veramente felice?

Nazli: Se penso alla giornata o a questo momento, sono molto felice. Ma devo pensare a domani.

Ferit: Non farlo. Io l’ho fatto dall’inizio. Vivi oggi, goditi questo momento. Non pensare a domani o ad altro. Non chiederemo, né risponderemo. Lascia che tutto sia spontaneo. Distendiamo questa tensione tra noi. Lascia stare tutto Nazli.

Nazli: Mi piacerebbe lasciare tutto, lasciare la tensione…e rilassarmi.

Ferit: Cosa stai aspettando?

Nazli: Il momento giusto. Il resto è da vedere.

…♥…

Nazli: Mi ricordo di questo momento. Che non sia l’ultimo…

Ferit: Cos’hai detto?

Nazli: Ho espresso un desiderio.

Ferit: Spero che si realizzi.

13° PUNTATA

All’Acquario con Bulut

Istanbul Aquarium

Şenlikköy, Florya Caddesi, Yeşilköy Halkalı Cd. No:93, 34153 Bakırköy/İstanbul, Turchia

Ferit: Sai che ci sono anche gli squali, Bulut?

Bulut: Lo so, lo so, certo. Ecco perché volevo venire.

Ferit: Cosa stai cercando? Pensi di vedere uno squalo da quella parte?

Bulut: Qualcun’altro sta per arrivare, zio.

Ferit: Qualcun’altro? Chi viene?

Bulut: Ciao Nazli.

…♥…

Nazli: Gli piace molto qui…è felice.

Ferit: Piace molto anche a me. Sotto l’acqua c’è un mondo completamente diverso. Questo è ciò che mi ha fatto rinascere.

Nazli: E’ un mondo terribile. Non si sa mai, dove o quando, il pericolo possa arrivare.

Ferit: Questo mondo non è molto diverso da quello in cui viviamo. Non puoi saperlo. Il pericolo è ovunque. Bisogna stare attenti.

Nazli: Mi stavo chiedendo quando la conversazione sarebbe ricaduta su di me.

Ferit: La conversazione è sempre stata su di te Nazli. Dal primo giorno eri solo tu. Sei sempre stata tu. Questo è tutto. Ma ora…è difficile.

Nazli: Perdonare?

Ferit: Perdonare. A volte è la cosa più difficile.

Nazli: Perché la difficoltà consiste nel dover dimenticare un po’…Dai un po’ di libertà ai tuoi sentimenti. Ci vuole un po’ di speranza. Ecco perché è difficile. Ma quando queste difficoltà vengono superate, il perdono è bello perché agisce sulla persona che perdona.

17° PUNTATA

Ferit incontra Tahir

Riva Plaji

19° PUNTATA

Allo Stadio del Beşiktaş

Beşiktaş JK – Stadio – Vodafone Park

Vişnezade Mah., Dolmabahçe Cad., 34357 Beşiktaş/İstanbul, Turchia

Engin: Deniz non tifa Galatasaray?

Ferit: Lo era, ma da quando è entrato in campo, sembra un po’ confuso.

Engin: Stai attento, Bulut potrebbe diventare un tifoso del Galatasaray.

Ferit: Penso che Bulut faccia a turno.

Ferit: Nero

Bulut: Bianco

Ferit: La più grande squadra è…

Beşiktaş!

I campioni sono…

Beşiktaş!

20° PUNTATA

Il Compleanno di Ferit

Jungle 8

Levent, Büyükdere Cad. Hyatt Centric Hotel No:136, 34330 Beşiktaş/İstanbul, Turchia

Nazli: Benvenuto alla tua festa di compleanno Ferit Aslan.

Ferit: Suppongo di aver rovinato la tua sorpresa.

Nazli: Esatto. Ma la sorpresa non è finita qui. Ci sono molte cose che ti aspettano. Sei pronto?

Ferit: Come sarebbe? Quali cose mi aspettano?

Nazli: Lo vedrai tu stesso quando entreremo. Ecco! Amo questo! E’ tutto sotto il mio controllo e tu non puoi impedirlo.

Ferit: Ma voglio che tu sappia ora, questa sera posso baciarti in qualsiasi momento. Quindi mi domando come farai.

Nazli: Non ti seguo.

Ferit: Oggi è il mio compleanno. Ogni mio desiderio deve essere esaudito.

Nazli: Ferit devi pensarci due volte prima di farlo. Se mi baci lì dentro potrei reagire in modo freddo.

Ferit: Ti bacerò all’improvviso!

Nazli: Quindi sarà una serata piena di emozioni.

Ferit: Dobbiamo esseri pronti a tutto.

…♥…

Ferit: Grazie, ma adesso parliamo di chi ha organizzato la serata. Nazli ed io non mostriamo facilmente i nostri sentimenti, specialmente in un luogo affollato come questo, ma sono sicuro che nessuno rappresenta così facilmente questi sentimenti.

Vorrei parlare per molto tempo, ma è meglio essere breve. Nazli… Sono così fortunato ad averti nella mia vita. Sono felice che tu sia qui, vicino a me. Non so cosa farei senza di te. Grazie tante per questo.

22° PUNTATA

La Fuga di Nazli

İznik Askania

Keramet, İznik Orhangazi Yolu 18.km, 16800 Orhangazi/Bursa, Turchia

Nazli: Ferit, grazie.

Ferit: Perché?

Nazli: Per essere qui con me oggi, per aver raccolto le olive, le castagne, i funghi e aver piantato l’ulivo…Se sei qui ora, è per causa mia.

Ferit: Non ho fatto molto Nazli. E’ bello stare insieme lontano da tutti.

…♥…

Ferit: Perché sei scappata qui? So che sei arrabbiata con me per la storia dei giornalisti, ma non può essere solo questo vero?

Nazli: Certo che no Ferit!

Ferit: Allora cos’è? Cosa ti preoccupa? Cos’è? Dimmelo ti prego.

Nazli: L’accordo che abbiamo fatto è molto stancante. E’ difficile vivere la propria vita secondo un contratto. Mi sento come se stessi camminando lungo una corda.

Ferit: Hai ragione. Non dev’essere facile. Deniz può rivelare tutto da un momento all’altro ad Hakan e Demet.

Nazli: Non è solo questo. Ci nascondiamo da tutti. Pelin compresa.

Ferit: Sei davvero preoccupata per Pelin?

Nazli: Non mi interessa, non so se importa a te. Non capisco come ti senti.

Ferit: Cosa significa questo? Mi stai chiedendo se provo ancora dei sentimenti per Pelin?

Nazli: Ferit, tu dici di avermi perdonata.

Ferit: Sì, ti ho perdonato con tutto il mio cuore.

Nazli: Ma qualunque cosa sia successa dopo hai messo li distanze da me. Il problema è che non riesco nemmeno ad essere arrabbiata con te. Nemmeno per il matrimonio e la firma su carta. Questo che viviamo è reale oppure è un gioco…

Ferit: E’ reale Nazli. Tutto quello che abbiamo vissuto era reale. Ci sei tu e solo tu…Sei l’unica a cui tengo. Non c’è nessun’altra. Sempre e solo tu. Tu mi fai sentire bene. Tu…Io…Ti Amo Tanto Nazli.

Camilla - La Cascata dei Sapori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
error: Contenuti Protetti